mercoledì 14 novembre 2012

Una versione superbreve

A volte le cose sono completamente diverse da come ce le immaginiamo.
Avevo fantasticato di andare una mattina con calma dalla mia amica A. e, sedute davanti ad una tazza di tè, raccontarle che forse avrei avuto bisogno del suo aiuto per conservare il tacchino nel congelatore.
A. ha dell'Occidente un'idea vaga e piena di preconcetti, che sta lentamente modificando, dopo avermi conosciuta. 
Dopo aver scoperto, un giorno che l'avevo nominata, che A. non aveva idea di cosa fosse la pizza, ho dato per scontato che il Thanksgiving le fosse totalmente ignoto e avevo quindi  pensato alle parole giuste per raccontarle la storia del Ringraziamento, i Padri Pellegrini, il Mayflower, il primo raccolto. 
Nella mia immaginazione lei avrebbe posto delle domande, ed infine, domenica 18 Novembre le avrei portato il tacchino da conservare.
Ovviamente non è andata così.

Sabato  pomeriggio mio marito è andato dal barbiere per farsi tagliare i capelli. Qui è una cosa lunga: ti offrono il tè, ti riempiono di lozioni, balsami e creme, e prima che sia passata un'ora non c'è speranza di uscire.
Tre minuti dopo che la porta si era chiusa alle sue spalle qualcuno ha suonato il campanello. Sicura che fosse lui che aveva dimenticato qualcosa sono andata ad aprire: era il vicino di casa, e io ero a piedi nudi con una maglia piena di macchie. Una magnifica figura. 
Mentre realizzavo tutto questo lui mi ha allungato un sacchetto.

- Ecco il tacchino! siamo andati in città oggi e l'abbiamo preso. Non è un problema, vero?

Nooo, certo che no, non è un problema avere il tacchino otto giorni prima di quanto avevamo stabilito. Cavolo. E ora come faccio? Ad A. non avevo ancora detto nulla.
Il sabato è il giorno meno adatto per andare a trovare una famiglia araba. Di solito hanno ospiti, amici di famiglia, la casa piena di gente, ed A. è impegnata a cucinare super-pranzi e a chiacchierare con le altre donne. 
In poche parole è il giorno meno adatto per presentarsi con un tacchino congelato in braccio che chiede asilo e una lunga storia sulle motivazioni.
Ho deciso di lasciare la bestia in cucina e andare in avanscoperta. Incredibilmente non avevano ospiti, e anzi stavano per uscire di casa.

- Senti, ho un grosso favore da chiederti. Non è che potresti ospitare un tacchino nel tuo freezer per qualche giorno? è per il Thanksgiving...
- Non c'è problema. Cos'è il Thanksgiving?
- E' una festa americana. Le famiglie si riuniscono e mangiano il tacchino tutti insieme.

Spiegazione carente, lo so. Ma il tempo era pochissimo e non mi sono arrischiata a fare di più. Intanto adesso la bestia è dentro un congelatore, ci penserò più in là a spiegare che il Thanksgiving non è una festa in onore del tacchino.
Nove giorni. Domani andiamo in città e iniziamo a comprare gli ingredienti. 
Tacchino con il suo ripieno, gravy, pumpkin pie, panini al latticello e qualcos'altro che ora non mi viene in mente. 
Nove giorni di tempo per acquisire tutti i trucchi per una perfetta cena del Ringraziamento. 
Incrociamo le dita.

10 commenti:

  1. Evvai!
    Almeno la questione congelatore è risolta!

    RispondiElimina
  2. Sarà una splendida cena e tuo marito sarà felice. Ne sono sicura! Devo dire che sono piuttosto curiosa sul menu e su come preparerai il pollastro ;-). Comunque sarà un successo! Ti mando un bacio, cara Phaedra

    RispondiElimina
  3. Grazie Ros!! Dopo la cena posterò ricette e foto, così da condividere con voi che mi avete supportata il mio primo tacchino :)

    RispondiElimina
  4. Direi che è andata proprio benone!
    Beh, sembra che tu abbia dei buoni vicini di casa. Deve essere interessante vivere da così vicino la cultura araba. Sarebbe bello se ci raccontassi qualcosa di più sullo stile di vita delle donne arabe.
    in bocca la lupe per la cena, sono sicura che andrà benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! spero anch'io che vada bene.
      A proposito delle donne arabe ho un sacco di idee per futuri post, piano piano vi racconto

      Elimina
  5. Ciao Phaedra arrivo direttamente dal blog di Ros Mj..si vedete che siete amiche..mi sono fatta due risate anche con il tuo resoconto! Da oggi mi trovi tra i tuoi follower e aspetto di vedere le foto del povero tacchino...
    ciao a presto
    fulvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvia, grazie mille e benvenuta sul blog!!

      Elimina